Simulazione Prestito e Calcolo Rata

Il portale Simulazione Prestito è composto da guide che spiegano dettagliatamente in quale maniera è possibile ottenere un finanziamento presso i principali istituti di credito, banche e società finanziarie. Qual è il nostro obiettivo? L’obiettivo di questo sito è quello di guidare i nostri lettori verso la scelta del prestito più conveniente, da non intendere solo come quello migliore dal punto di vista economico ma anche valutando con attenzione quelle che sono le varie opportunità disponibili e le opzioni che alcuni finanziamenti offrono.

Simulazione Prestito: quali sono le caratteristiche principali di un finanziamento

Per ciascuna società di credito vedremo quindi quali sono le principali funzioni ed opzioni disponibili di ciascun prestito personale offerto vedendoli nel dettaglio e soffermandoci su come calcolare la rata da pagare.

Vedremo quindi quali sono le cifre minime e massime richiedibili e vedremo quali sono le tempistiche minime e massime del periodo di rimborso.

Analizzeremo quali finanziamento permettono di usufruire di opzioni quali il Salto Rata, il Cambio Rata e l’Estinzione Anticipata senza penali.

Simulazione Prestito: Requisiti fondamentali per ottenere una linea di credito

Quali sono i requisiti richiesti per ciascun finanziamento? Con il nostro portale, Simulazione Prestito, per ogni finanziamento citato sarà possibile avere tutte le informazioni in merito, in maniera semplice ed immediata, comprese anche le informazioni relative a quelli che sono i requisiti essenziali che il cliente dovrà avere per poter presentare la propria richiesta.

In generale sono tre i documenti richiesti in ogni prestito personale e sono un documento che attesti l’identità del richiedente, il codice fiscale che potrà essere rilevato dalla Tessera Sanitaria ed un documento di tipo reddituale ossia un documento che dimostri che la persona che è interessata ad ottenere il finanziamento è in grado, grazie ad una fonte di reddito continuativa, di riuscire a pagare quanto dovuto sino a saldare in maniera definitiva il proprio debito. Il documento reddituale che la persona che diverrà il debitore dovrà presentare dovrà essere uno dei seguenti: la busta paga se il cliente è un lavoratore dipendente, il cedolino della pensione se il cliente è un pensionato o il Modello Unico se il cliente è un lavoratore autonomo.

E’ ovvio poi che ciascun caso dovrà essere vagliato dettagliatamente e che all’istituto di credito spetta la possibilità di richiedere ulteriori documenti per vedere rafforzata la posizione economica e finanziaria del debitore.

Simulazione Prestito Erogazione e Rimborso

Ogni linea di credito ha le sue tempistiche e modalità di erogazione. Allo stesso modo ha delle modalità di rimborso. Vedremo quindi per ciascun finanziamento per privati cittadini quali sono tutte le possibilità e le opzioni fruibili dai potenziali clienti che sono alla ricerca di una somma di denaro da ottenere in prestito.

Calcolo Rata Prestito e Esempi di Rata Mensile

Come si calcola la rata da pagare? Viene utilizzata una semplice formula matematica, che vedremo nel dettaglio in seguito, dove per effettuare il calcolo dovremo essere in possesso dei seguenti dati: il capitale prestato, il tasso d’interesse Taeg ed il numero di rate necessarie per saldare il proprio debito.

Per i principali finanziamenti vedremo inoltre quali sono gli esempi di rata mensile e cioè quali sono gli importi che mensilmente il cliente dovrebbe pagare per poter saldare il proprio debito se, ad esempio, l’importo richiesto è di 10.000€. Utilizzando i dati segnalati poco fa sarà molto semplice calcolare il costo complessivo del prestito personale, costo dato dal capitale maggiorato dagli interessi passivi e dalla somma di tutte le eventuali spese presenti.

Simulazione Prestito Personale

Come già detto apriremo con le nostre guide gratuite un’ampia parentesi sulle principali società di credito che, ad oggi, operano in Italia. Esamineremo approfonditamente, tra gli altri, i finanziamenti offerti dalla Agos Ducato, dalla Findomestic, dalla Compass, i prestiti Inpdap, i prestiti BancoPosta del gruppo Poste Italiane, quelli di Banca Unicredit, BNL e Deutsche Bank. Vedremo di ciascun prestito quelli che sono i vantaggi e lasceremo sempre i nostri commenti e le nostre opinioni in merito in modo tale che, chi ci legge, abbia un’ampia veduta sul finanziamento che poi deciderà di utilizzare per realizzare i propri progetti e soddisfare i propri bisogni.

Prestiti Senza Busta Paga

E’ possibile ottenere dei finanziamenti senza busta paga? Si, alcune società di credito offrono del denaro, sotto forma di prestito personale anche a chi è senza busta paga. Esistono però delle condizioni che il cliente dovrà rispettare ed alcuni requisiti aggiuntivi che la persona che poi ricoprirà il ruolo di debitore dovrà avere per poter vedere la propria richiesta approvata.

Cattivi Pagatori e Protestati

Esistono soluzioni finanziarie che consentono anche ai protestati ed ai cattivi pagatori di poter riuscire ad ottenere una somma di denaro da spendere nella maniera che si preferisce. Analizzeremo quindi anche i prestiti per cattivi pagatori ed i finanziamenti per protestati ricordando sempre che le vie più rapide per ottenerli restano quelle della cessione del quinto dello stipendio e della cessione del quinto della pensione.

Prestito Postepay Evolution di Poste Italiane: Cos’è, Come Richiederlo, Interessi e Calcolo Rata

Il prestito Postepay Evolution di Poste Italiane è una nuova forma di mini-credito nata per permettere ai titolari di una carta Postepay Evolution di accedere a piccoli finanziamenti con grande rapidità. In questa guida andiamo ad analizzare le caratteristiche del prestito Postepay Evolution, come richiederlo, gli interessi, il calcolo della rata e i possibili beneficiari.

Finanziamento a tasso fisso

Il prestito Postepay Evolution è un mini-prestito personale che permette di richiedere un finanziamento compreso tra mille e tremila euro con rimborso in ventidue rate a tasso fisso. Grazie all’addebito diretto il prestito Postepay Evolution libera l’obbligato da ogni preoccupazione riguardante le scadenze e il relativo pagamento delle rate mensili, un enorme vantaggio per chi è preso da mille impegni e desidera avere la sicurezza di rimborsare il prestito con la massima puntualità senza doversene occupare in prima persona. 

Quinto BancoPosta, la Cessione del Quinto di Poste Italiane

Poste Italiane mette a disposizione dei propri clienti un prestito con la cessione del quinto e questo prende il nome di Quinto BancoPosta. La cessione del quinto di Poste Italiane può essere richiesto sia dai lavoratori dipendenti che dai pensionati tramite trattenuta sul netto mensile ricevuto.

Da chi può essere richiesto Quinto BancoPosta

E’ una cessione del quinto appartenente al gruppo dei prestiti BancoPosta e, come accennato in precedenza, può essere richiesto dai lavoratori dipendenti e dai pensionati, questi ultimi se appartenenti all’Inps, ma anche a  ex iPost, ex Enpals ed ex Inpdap. Per quanto riguarda invece i lavoratori dipendenti, questi possono dipendenti pubblici, dipendenti statali, appartenenti alle Forze Armate o anche a grandi aziende che hanno stipulato con Poste Italiane una convenzione.

Simulazione Prestito Personale

Possiamo facilmente calcolare la rata da pagare di un prestito personale grazie a delle formule matematiche o più facilmente con degli appositi strumenti che ci permettono di effettuare una simulazione del prestito personale. Così facendo andremo ad utilizzare uno strumento di calcolo che ci permetterà di vedere quali sono i tassi d’interesse utilizzati dalle varie società di credito e di calcolare quindi non solo l’importo della rata da pagare ma anche il numero di rate necessarie per estinguere il finanziamento e quello che sarà il costo complessivo del prestito.

Per calcolare la rata del prestito correttamente è necessario avere a portata di mano alcuni fattori essenziali: il capitale, il tasso Tan, il tasso Taeg ed il numero di mesi in cui si dovrà rimborsare il finanziamento.

Simulazione Prestito BancoPosta

Il prestito BancoPosta è un prodotto finanziario che ormai è diventata la scelta principale per chi vuole usufruire di un finanziamento presso il gruppo Poste Italiane.

Se inizialmente esisteva un unico prestito BancoPosta, con il passare del tempo l’azienda ha deciso di diversificare i suoi prodotti finanziari e di implementare nuove promozioni e offerte commerciali che si differiscono tra loro per le varie opzioni di cui il cliente potrà godere.

Ad oggi troviamo prestiti personali, cessione del quinto, prestiti online ed il fido. Analizziamo ciascuna proposta effettuando una simulazione del prestito BancoPosta e cercando di capire come avviene il calcolo della rata mensile.

Simulazione Prestito Compass

Compass è una società che eroga diversi servizi finanziari tra cui prestiti e finanziamenti, servizi di conto e carta, carte di credito e minicredito e soluzioni assicurative per la casa.

Per quello che riguarda i prestiti ed i finanziamenti, le offerte della Compass, società appartenente al Gruppo Mediobanca, si suddividono in prestiti personali, in finanziamenti con cessione del quinto ed in prestiti finalizzati all’acquisto di determinati beni e servizi.

Simulazione Prestito Agos

I prestiti Agos sono tra i finanziamenti più richiesti e conosciuti in Italia. La Agos offre ai suoi clienti diverse opportunità rappresentate da diverse soluzioni finanziarie dedicate in base alle proprie esigenze. Nella maggior parte dei casi sarà possibile finanziare un importo massimo di 30.000€, somma che viene erogata velocemente, solitamente entro 48 ore dal momento in cui la richiesta del prestito personale viene accettata.

In alcuni dei finanziamenti sarà possibile utilizzare le opzioni di Salto Rata e Cambio Rata. La prima opzione, quella del Salto Rata permette al cliente di poter saltare il pagamento di una rata mensile rimandandolo al termine del finanziamento. Con la seconda opzione, quella del Cambio Rata, sarà invece possibile decidere di aumentare o di diminuire l’importo della rata mensile. In tal modo si potrà aumentare l’importo della rata diminuendo il numero delle rate da pagare o diminuire l’importo di ogni rata dilungando il periodo di rimborso.

Simulazione Prestito Findomestic

I prestiti Findomestic permettono ai clienti che scelgono un finanziamento del Gruppo BNP Paribas di poter sostenere le spese di acquisto di beni e servizi di vario genere.

Tra i vari prodotti acquistabili troviamo i veicoli (auto, moto e camper), materiale per il tempo libero (computer, smartphone, tablet e pacchetti viaggi e benessere) mentre tra i vari servizi acquistabili troviamo quelli dedicati alla casa che vanno dai lavori di ristrutturazione all’installazione dei pannelli solari.

Prestito Fotovoltaico

Il prestito fotovoltaico è stato ideato per coloro che intendono installare impianti e pannelli solari fotovoltaici ed energie rinnovabili. Sempre più persone infatti, negli ultimi anni sta decidendo in questo settore conosciuto come quello dell’energia pulita, grazie anche alle agevolazioni offerto dal Governo.

Investire nel fotovoltaico conviene perchè l’eccesso di luce prodotto può essere rivenduto direttamente all’Enel. Basti pensare che un impianto fotovoltaico da 3 kwh soddisfa appieno l’esigenze energetiche di una famiglia media italiana per la durata di un anno senza quindi il bisogno di acquistare energia elettrica e in più come già accennato in precedenza, tutta l’energia sviluppata ma non consumata può essere rivenduta. Investire nel fotovoltaico diventa quindi a lungo termine un ottimo investimento, perchè una volta ammortizzato il costo dell’impianto, diviene un reddito fisso, soprattutto per chi lo installa su superfici di media e grande dimensione.

Segnalazione cattivo pagatore al crif quanto dura?

La segnalazione cattivo pagatore al crif quanto dura? E’ la domanda che tutti gli appartenenti a questa categoria si chiedono ed è quello che andremo a spiegare in questo articolo. La prima cosa da sapere è che i tempi di permanenza del registro dati del crif come cattivo pagatore, variano a seconda del numero di rate pagate con ritardo.

Come si entra a far parte dei cattivi pagatori

Per entrare a far parte della categoria dei cattivi pagatori, bisogna che il beneficiario di un prestito non paghi alla scadenza pattuita al momento della sottoscrizione del contratto, una o più rate pagandole quindi con ritardo o che le morosità sul prestito stesso diventino ancor più gravi. A causa di queste insolvenze l’istituto di credito che ha erogato il prestito, si vede costretto a segnalare  il nominativo del debitore presso i sistemi di informazioni creditizie, i quali sono database informatici che vengono gestiti dalle Centrali Rischi Finanziari dove sono contenute tutte le informazioni relative ai rapporti finanziari tra privati e banche. Il più famoso di questi database è il Crif, che è accessibile a tutti gli istituti di credito.

Prestiti Per Giovani Studenti

I prestiti per giovani studenti sono stati creati apposta per andare incontro a questa categoria di persone che non avendo garanzie reddituali non potrebbero richiedere il classico prestito personale. Avendo in alcuni casi anche loro bisogno di prestiti, non devono temere perchè grazie ad alcuni vantaggi potranno vederseli erogare.

Quali sono i prestiti per giovani studenti e a cosa servono

I prestiti per giovani studenti rientrano nella categoria dei prestiti finalizzati, perchè questi vengono erogati esclusivamente per esigenze scolastiche, come può essere la frequentazione di un Master  o un corso di specializzazione; quindi coloro che vorrebbero liquidità per altre esigenze extra come potrebbe essere un viaggio di piacere, è meglio che sappiano che ciò è impossibile. Questa tipologia di prestito è stata istituita dal Ministero delle Politiche Giovanili, che ha deciso di stanziare dei fondi per i giovani che hanno un’eta compresa tra i 18 e i 35 anni, che hanno il desiderio di continuare a studiare; per farlo spesso servono liquidità che le famiglie non possono sostenere e per questo è possibile accedere ai suddetti prestiti.

Prestiti a Protestati

prestiti a protestati sembra impossibile a crederci ma esistono. I protestati sono coloro che in passato non hanno rimborsato in parte o totalmente un prestito e per questo vedersi erogato un nuovo prestito è impresa ardua, ma come detto non impossibile, perchè esistono prestiti dedicati proprio a questa categoria.

Una categoria ritenuta dalle banche e dalle società finanziarie ad alto rischio insolvenza e per questo per poter accedere ad un nuovo prestito di certo non potranno chiedere il classico prestito personale ma usufruire di prestiti alternativi.

Prestiti pensionati INPS

prestiti pensionati Inps sono una tipologia a cui possono accedere tranquillamente tutti coloro che ne hanno bisogno purchè non abbiano superato i 75 anni di età, soprattutto se si usufruisce della cessione del quinto della pensione, che essendo erogata dallo stesse ente è una garanzia molto solida per le banche.

La cessione del quinto Inps

La cessione del quinto Inps non è altro che la trattenuta del quinto della pensione netta da parte dell’ente pensionistico, che la girerà alla banca per rimborsare il prestito richiesto dal pensionato. Con questa tipologia si hanno due vantaggi; il primo è che il prestito verrà sicuramente accettato dalla banca perchè sicuro, secondo il pensionato non avrà l’incombenza ogni mese di ricordarsi di pagare le rate, perchè si vedrà solo addebitata la somma sul cedolino della pensione.

Prestiti Giovani per Aprire Attività Commerciali

prestiti giovani per aprire attività commerciali sono stati istituiti proprio per favorire questa categoria che intende affacciarsi al mondo dell’imprenditoria ma che non ha disponibilità economiche necessarie per realizzare quello che per molti potrebbe restare solo un sogno incompiuto. Questi sono prestiti con tassi di interesse agevolati o anche a fondo perduto.

Tra questi il più conveniente è sicuramente il prestito d’onore, che prevede una percentuale a fondo perduto ed un’altra da restituire ma a tassi molto agevolati.

Prestiti alle famiglie e credito al consumo

I prestiti alle famiglie e credito a consumo sono tipologie di finanziamento che in questi ultimi anni stanno prendendo il sopravvento sui mutui, i quali invece seppur in minima percentuale stanno calando, mentre quelli in questione hanno avuto un aumento nell’ultimo anno dell’11,7%, una grandissima quota di innalzamento.

La quota media richiesta per questi finanziamenti è pari agli 8.000 euro e grazie al continuo crescere dei loro dati gli istituti di credito stanno cercando sempre più di agevolare chi li richiede. Questo grazie alla politica monetaria adottata dal presidente della Banca Centrale Europea, che ha invogliato in modo positivo la propensione verso il credito.

Estinzione anticipata prestito

L’estinzione anticipata del prestito è un diritto di chi si trova in anticipo le liquidità per saldare un debito attivo ed inoltre questa operazione porterà allo stesso enormi vantaggi, perchè risparmierà sugli interessi. E’ quindi una formula da prendere in seria considerazione nel caso ci fosse la possibilità di poterla sfruttare.

Perchè conviene l’estinzione anticipata

Il motivo principale che spinge ad effettuare l’estinzione anticipata di un prestito è come detto il vantaggio di risparmiare sugli oneri e sugli interessi, il motivo è semplice, perchè pagando in anticipo tutti gli interessi che sarebbero ricaduti sulle somme ancora da restituire mensilmente con il pagamento delle rate non avrebbero modo di esistere. Gli interessi da versare alla banca sulle somme rimanenti a seconda della cifra, possono essere anche molto gravosi, quindi scegliendo la soluzione dell’estinzione anticipata prestito si potrebbero risparmiare anche migliaia di euro, quindi un vantaggio davvero significativo.

Prestiti cattivi pagatori e protestati senza busta paga

prestiti cattivi pagatori e protestati senza busta paga, può forse essere l’unica soluzione per queste due categorie di vedersi erogato un nuovo prestito, perchè se si appartiene ad una di queste categorie vuol dire che in passato si sono avuti problemi con prestiti di cui si è beneficiato e quindi ormai ritenuti inaffidabili dagli istituti di credito.

Si può essere stato cattivo pagatore perchè si sono rimborsate rate di un prestito con colpevole ritardo oppure protestato, perchè il prestito non è proprio stato saldato o almeno in parte. Come detto la soluzione prestiti cattivi pagatori e protestati senza busta paga può essere un’ottima soluzione, ma in giro su questa tipologia esistono anche truffe a cui bisogna prestare molta attenzione.

Prestiti cattivi pagatori e per protestati: alternative alla cessione del quinto

I cattivi pagatori e i protestati sono due categorie che avranno sempre tantissime difficoltà a vedersi inoltrato un nuovo prestito, perchè entrambe hanno avuto problemi con prestiti passati. La categoria dei cattivi pagatori ha rimborsato più rate in ritardo sulla data di scadenza prevista, mentre i protestati non hanno terminato affatto il rimborso. Per loro comunque esistono prestiti alternativi alla cessione del quinto.

Come ottenere il tasso migliore per un prestito

Come ottenere il tasso migliore per un prestito è ciò che tutti coloro che sono in procinto di chiedere un prestito cercano, dai lavoratori dipendenti ai pensionati, dalle aziende ai lavoratori autonomi, perchè chi non vorrebbe poter risparmiare sugli interessi? In questo articolo spiegheremo come è possibile farlo per le diverse categorie in questione.

Il tasso migliore per i lavoratori dipendenti statali

Per questa categoria sono tante le offerte che permettono di usufruire di agevolazioni sui tassi, a cominciare dai prestiti Inps che sono accessibili a tutti i dipendenti della pubblica amministrazione e permettono di usufruire di importanti agevolazioni fiscali. Questa è una soluzione perfetta per avere dei tassi d’interessi molto bassi e non va assolutamente trascurata. Le tipologie di prestito Inps dedicate ai dipendenti della pubblica amministrazione sono varie e possono essere erogate direttamente dall’ente di previdenza sociale e creditizia Inps, come i piccoli prestiti o i prestiti pluriennali, ma anche dalle banche convenzionate con lo stesso Inps e lo stesso vale per le società finanziarie. Tutti questi prestiti hanno il vantaggio per i richiedenti di ottenere tassi molto vantaggiosi.

Prestiti Bancari Personali

prestiti bancari personali sono somme richiedibili verso tutte le banche presentando le dovute garanzie. Queste somme dovranno poi essere rimborsate comprensive di interessi maturati e il pagamento di solito avviene attraverso rate mensili che saranno stabilite al momento della sottoscrizione del contratto, così come la durata del prestito stesso.

I requisiti per poter richiedere i prestiti bancari

Come per tutti i prestiti anche per quelli bancari c’è bisogno di essere in possesso di alcuni requisiti basilari; uno di questi è l’età, infatti bisogna essere maggiorenni per poter far richiesta di prestito e non si devono superare i 75 anni di età. L’altro requisito davvero fondamentale è rappresentato da un documento che attesti il percepimento di un reddito fisso mensile.  I lavoratori dipendenti possono presentare la busta paga, i pensionati il cedolino della pensione, mentre i lavoratori autonomi il Modello Unico.

Prestiti veloci

I prestiti veloci sono utilissimi per tutti coloro che hanno urgente bisogno di una piccola somma di denaro per far fronte ad una spesa improvvisa. Questi sono differenti dai prestiti classici, quindi possono richiederli anche chi non ha garanzie di reddito e cioè senza nessun reddito dimostrabile.

Come richiedere i prestiti veloci

I prestiti veloci possono essere richieste comodamente online, perchè è un servizio messo a disposizione da tutte le banche e le società finanziarie e poi è molto snello perchè per fare richiesta i tempi burocratici sono molto più ristretti. Si può anche grazie al web collegarsi ad alcuni siti che offrono i comparatori di offerte di vari istituti di credito, così da poter scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

Cessione del Quinto Senza TFR

Richiedere un prestito con la cessione del quinto senza TFR è possibile e comunque molto valida come garanzia per gli istituti di credito. E’ vero che presentare il TFR mette al riparo l’istituto di credito da un’improvvisa perdita del posto di lavoro, ma non è di fondamentale per quanto riguarda l’erogazione del prestito.

La cessione del quinto senza TFR

Il TFR è comunque una garanzia ritenuta importantissima da qualsiasi istituto di credito, ma non tutti possono averlo a disposizione per alcuni motivi. Uno dei motivi può essere dovuto al fatto che il lavoratore è stato assunto da poco e quindi non ha ancora raggiunto la quota per il TFR, mentre un altro è che si è usufruito della Legge di Stabilità del 2015 si è chiesto un anticipo in busta paga o ancora perchè questo già impegnato in altri finanziamenti.

Prestiti per disoccupati

prestiti per disoccupati sono creati appositamente per coloro che non avendo lavoro non posseggono un reddito. In generale questi prestiti hanno una somma massima richiedibile di 15.000 euro e tenendo conto di questa somma che proprio eclatante non è, gli istituti di credito richiedono il rimborso in una durata massima di 5 anni.

La cifra è limitata proprio perchè i disoccupati non sono in possesso delle garanzie di reddito fisso come può essere una busta paga o qualunque altro documento che certifichi il percepimento di un reddito. I disoccupati logicamente dovranno presentare agli istituti di credito altre tipologie di garanzie per poter accedere al prestito e di seguito vi elencheremo quali sono i tipi di prestito per questa categoria di persone.

Simulazione Prestito Unicredit

Il prestito Unicredit può essere richiesto per soddisfare diversi tipi di esigenza. La banca Unicredit ha infatti deciso di creare diversi piani finanziari affinché possano essere accontentate le varie richieste di ciascun cliente. I diversi finanziamenti Unicredit sono stati suddivisi in base ad elle esigenze ipotetiche che il cliente potrebbe avere. Troviamo infatti dei prestiti dedicati alle esigenze di tutti i giorni, dei prestiti dedicati esclusivamente alla propria casa ed altri prestiti più particolari come la cessione del quinto o il credito su pegno.

Prestiti Agos: come calcolare un preventivo online

La Agos è una delle società finanziarie più famose e conosciute in Italia. Da diversi anni è una delle aziende leader nel settore finanziario ed è in grado di offrire ai propri clienti diversi servizi come prestiti, finanziamenti, cessioni del quinto, carte di credito e servizi assicurativi.

Per quello che riguarda il campo dei prestiti e dei finanziamenti, la Agos è in grado di offrire un’ampia gamma di soluzioni idonee per tutti i clienti, anche per i più esigenti.

La Agos è infatti in grado di offrire dei piccoli prestiti, dei prestiti flessibili, dei prestiti veloci, prestiti per i giovani ed un piano di consolidamento debiti.