Quinto BancoPosta, la Cessione del Quinto di Poste Italiane

Poste Italiane mette a disposizione dei propri clienti un prestito con la cessione del quinto e questo prende il nome di Quinto BancoPosta. La cessione del quinto di Poste Italiane può essere richiesto sia dai lavoratori dipendenti che dai pensionati tramite trattenuta sul netto mensile ricevuto.

Da chi può essere richiesto Quinto BancoPosta

E’ una cessione del quinto appartenente al gruppo dei prestiti BancoPosta e, come accennato in precedenza, può essere richiesto dai lavoratori dipendenti e dai pensionati, questi ultimi se appartenenti all’Inps, ma anche a  ex iPost, ex Enpals ed ex Inpdap. Per quanto riguarda invece i lavoratori dipendenti, questi possono dipendenti pubblici, dipendenti statali, appartenenti alle Forze Armate o anche a grandi aziende che hanno stipulato con Poste Italiane una convenzione.

I requisiti fondamentali per Quinto BancoPosta

Per poter richiedere la cessione del quinto a Poste Italiane e quindi accedere al Quinto BancoPosta bisogna comunque essere in possesso di alcuni requisiti. Come è scontato che sia il primo ed unico requisito fondamentale è quello di essere in possesso della busta paga nel caso dei lavoratori dipendenti o del cedolino della pensione per quanto riguarda i pensionati. Questa è l’unica vera garanzia richiesta da Poste Italiane, con questo documento reddituale non vi sarà bisogno ne di un garante ne di altre garanzie per la richiesta del prestito in questione.

Oltre alla busta paga o il cedolino della pensione, devono essere allegati nella domanda di prestito anche la tessera d’identità in corso di validità, il codice fiscale o in sostituzione la tessera sanitaria del richiedente.

Non vi è inoltre nessun vincolo di possedere ad ogni costo un conto corrente postale o un conto corrente bancario per poter far richiesta del Quinto BancoPosta, quindi chiunque, correntista o meno può usufruire del prestito se è in possesso dei requisiti elencati.

La scelta dei metodi di erogazione del denaro

I metodi per l’erogazione del denaro saranno scelti dallo stesso beneficiario del Quinto BancoPosta, infatti si potrà scegliere tra l’accredito sul Conto BancoPosta, con bonifico sul conto corrente bancario oppure tramite un assegno vidimato. Nel caso la scelta ricadesse sull’assegno, questo sarà obbligatoriamente intestato al beneficiario del prestito. I pensionati avranno ancora un altro metodo a disposizione per l’erogazione del denaro e cioè quello con accredito sul Libretto di Risparmio Postale Nominativo.

L’obbligo delle polizze assicurative

Essendo un prestito con cessione del quinto necessita per un’ulteriore garanzia da parte di Poste Italiane, di una sottoscrizione ad alcune polizze assicurative a favore proprio di Poste Italiane. Il lavoratore dipendente dovrà stipulare sia la polizza vita che quella sul mancato impiego, mentre il pensionato solo la polizza sulla vita. Queste polizze sono obbligatorie ai sensi di Legge, perchè nel caso in cui di decesso o improvvisa perdita del lavoro, Poste Italiane tramite le polizze potrà recuperare le somme erogate. Le spese relative ai costi delle polizze assicurative sono a carico di BNL Finance in quanto unica beneficiaria delle stesse.

 Come avviene il rimborso

Il rimborso del prestito avviene tramite trattenuta del quinto dello stipendio o della pensione. Si chiama quinto non a caso, infatti la quota massima detraibile dallo stipendio così come dalla pensione non può superare il 20% della mensilità percepita. Il pagamento sarà effettuato dal datore di lavoro per quanto riguarda i lavoratori dipendenti e dall’ente pensionistico per quanto riguarda i pensionati.

Leave a Reply